Utilizziamo i cookie per assicurarti una migliore esperienza sul nostro sito. Utilizziamo inoltre anche cookie di parti terze. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti automaticamente all’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la nostra Cookie Policy

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

  • 1
  • 2

Obiettivi

L‘AEB-associazione genitori di persone in situazione di handicap è un associazione di auto mutuo aiuto, composta principalmente da genitori e congiunti di persone disabili che ha come obiettivo principale l’unione e la rappresentanza degli interessati, il lavoro politico, la consulenza ed il sostegno dei genitori di persone disabili in tutti gli ambiti di vita. L’associazione opera con l’intento di incoraggiare le parti interessate a scambiarsi esperienze e risolvere i problemi assieme.

Il lavoro pubblico dell’AEB-Associazione genitori di persone in situazione di handicap ha come scopo principale di cercare una nuova comprensione per persone con disabilità basata sulla convenzione delle Nazioni Unite per persone con disabilità che è stata ratificata dall’Italia il 03 marzo 2009. Il punto di partenza è il modello sociale della disabilità. In contrasto con le tradizionali definizioni „mediche“ una persona viene, tramite il modello sociale, ostacolata non dalle sue menomazioni, ma dalle barriere sociali e dalle discriminazioni. Compito della politica e della società è, dunque, respingere tutte le forme di discriminazione in base ad una disabilità, per realizzare la piena ed equa partecipazione sociale di persone diversamente abili. Il diritto degli interessati si basa quindi sul riconoscimento al coinvolgimento per l’integrazione. Inclusione al contrario di integrazione ritiene, che gli individui non debbano adeguarsi al resto del mondo, ma il mondo deve cambiare in modo tale, da poter coinvolgere queste persone. Questo richiede la rimozione delle barriere fisiche e mentali e contemporaneamente devono essere messe a disposizione delle misure di sostegno. Negli asili e nelle scuole dell’Alto Adige non sono sempre previste delle misure di sostegno all’ inclusione per la soddisfazione delle persone coinvolte e nell’ integrazione lavorativa queste misure di sostegno sono ancora inadeguate. Per questo motivo l’ AEB si impegnerà ulteriormente in merito.

Una seconda esigenza molto essenziale, che interessa l’intera convenzione delle Nazioni Unite, viene formulata dal diritto dell’ autodeterminazione che é indivisibile! Questo diritto deve essere concesso e permesso a tutte le persone, indipendentemente dalla gravità della disabilità e della loro situazione di vita. Accanto alla partecipazione e l’autodeterminazione, il diritto ad un livello di vita adeguato ed il diritto all’ apprezzamento sociale formano le fondamenta della convenzione delle Nazioni Unite sui diritti di persone con disabilità.