Utilizziamo i cookie per assicurarti una migliore esperienza sul nostro sito. Utilizziamo inoltre anche cookie di parti terze. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti automaticamente all’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la nostra Cookie Policy

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

  • 1
  • 2

 

Convegno 08.11.19 "Essere presenti è tutto" - Inclusione delle persone con disabilità nel loro tempo libero

 

 "Essere presenti è tutto" – è il titolo del convegno che la AEB - Associazione di genitori di persone in situazione di handicap, ha dedicato quest’anno a questo desiderio più che giusto per i propri figli e adolescenti con disabilità presso la Casa Kolping di Bolzano.

 Le attività ricreative significative e soddisfacenti per tutte le fasce di età sono importanti e rilevanti per l'apprendimento sociale! Inoltre, anche le attività per il tempo libero contribuiscono in modo significativo alla partecipazione alla vita sociale.

Al fine di attivare e sensibilizzare le reti di tutti i comuni la AEB ha invitato genitori, rappresentanti politici e numerose associazioni che, attraverso i loro stesso racconti ed esperienze di inclusione delle persone disabili in diversi settori del tempo libero (balle, musica, sport, teatro, chiesa e centri giovanili) hanno dimostrato il successo di queste esperienze.

 L'obiettivo di questo evento è stato di sensibilizzare sempre di più i Comuni, così come previsto dalla L.P. 7/2015 in tema di inclusione, sull’importanza di evidenziare e creare nuove possibilità di collegamento in rete delle organizzazioni locali che offrono attività per il tempo libero, supportandole in modo che i loro cittadini possano usufruire di una vasta scelta di opportunità e servizi per le persone con disabilità.

 La conferenza ha avuto un grande affluenza ed un grande successo del tema prescelto, confermata anche dal fatto che hanno partecipato funzionari dell'Ufficio Provinciale per le persone con disabilità, dei Comuni e Comunità comprensoriali, la Garante per l'infanzia e l'adolescenza, il rappresentante della Consigliera per le pari opportunità e varie associazioni nazionali.

I relatori principali - Günther Andergassen e Alessandro Scavazza - hanno lasciato il segno con le loro presentazioni, sia dal punto di vista scientifico che personale, dimostrando che l'inclusione delle persone con disabilità nelle varie attività del tempo libero per tutte le persone coinvolte ha effetti positivi che durano nel tempo. Questo è esattamente ciò che hanno sottolineato i rappresentanti delle organizzazioni con i loro esempi di “best practice”.

La UISP Bolzano, il Fanclub della Pallamano di Bressanone, la Arche Trento / Rovereto, la scuola di ballo della SSV Bressanone, il gruppo sportivo Sportabili di Predazzo, il teatro Ollerhond Durchanond / Vinschgau, la Volksbühne Rasen, la Cooperativa Arteviva di Bolzano, le Compagnie musicali della Val Venosta e di Vipiteno, il Centro Giovanile della Bassa Atesina e i Chierichetti di Bressanone che hanno presentato le loro attività ed esperienze dirette. Tutte queste testimonianze sono state piacevolmente accolte e applaudite a lungo.

 Come sintesi di questa conferenza la presidente della AEB Angelika Stampfl ha espresso il desiderio direttamente alle personalità presenti, che venga fatto tesoro di tutte queste testimonianze, al fine di creare una “mappa” delle attività inclusive presenti su tutto il territorio offerte dalle varie associazioni dell’Alto Adige nei vari ambiti del tempo libero.

 

Günther Andergassen

Alessandro Scavazza

Angelika Stampfl

Carmen Niederkofler