Utilizziamo i cookie per assicurarti una migliore esperienza sul nostro sito. Utilizziamo inoltre anche cookie di parti terze. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti automaticamente all’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la nostra Cookie Policy

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

  • 1
  • 2

 „In giro con i RollerKids“ sul lago di Garda

 

Attraverso il progetto pilota “In giro con i RollerKids” l’AEB-Associazione genitori di persone in situazione di handicap ha organizzato una settimana di ferie, dal 31.05 al 07.06.19, presso il Camping Piani di Clodia a Lazise sul lago di Garda. La vacanza era rivolta a 4 persone provenienti da Brunico e dintorni con disabilità grave e con un alto bisogno di cura e di somministrazione di medicinali e si è svolta in un ambito protetto, con l’accompagnamento dei loro assistenti di fiducia ed un’infermiera, senza la presenza dei loro genitori.

Durante questo periodo le persone con disabilità hanno imparato ad instaurare un rapporto di fiducia con nuove persone di riferimento e hanno potuto godere il tempo libero tra loro pari senza interferenze ed eventuali problemi. Hanno goduto di momenti di relax rilassati sul prato o in piscina osservando il tramonto sulla terrazza della struttura.

 

Gli assistenti hanno preparato un programma molto vario per ogni individuo e per l'intero gruppo in base alle esigenze e alle possibilità dei partecipanti. In questo modo il gruppo ha potuto visitare il mercato di fiori e creatività di Lazise, fare corse e accelerate nel parco Sigurtà (rally per auto) e una breve sosta all’ Hotel Quellenhof. Un’esperienza eccitante è stata anche il picnic presso il Parco Termale del Garda a Colà oppure la visita all’ Acquario Sea Life. Non dimentichiamoci della serata tra uomini presso il Bar Harley Davidson di Lazise, dell’escursione a Bardolino e del viaggio in barca a Garda. Durante questa settimana di ferie ci sono stati tanti momenti belli, divertenti, rilassanti ma non sono mancati anche episodi estremamente commoventi.  

 

Questo progetto è stato un grande processo di apprendimento nella direzione del lasciar andare, non solo per le persone con disabilità, ma anche per i loro genitori e famigliari.

Tutto ciò è stato possibile grazie alla creazione di una buona e solida rete di pianificazione e collaborazione tra genitori, assistenti e l’infermiera necessaria in eventuali situazioni di crisi.

 

Durante questa settimana i genitori hanno potuto rilassarsi e prendersi il tempo per rafforzare il rapporto con i fratelli/sorelle delle persone con disabilità.  

 

Questo progetto, atto al sollevamento del carico gravante sulle famiglie, è stato sostenuto finanziariamente dall'Agenzia per la Famiglia della Provincia di Bolzano.